Online Store attivo solo per i paesi della UE | Spedizione gratuita su tutte le calzature a partire da 126€

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

I migliori stivali da moto: caratteristiche

26/06/2020

La scelta dei migliori stivali da moto prevede obbligatoriamente la conoscenza di questo importantissimo indumento tecnico. Cosa caratterizza uno stivale da moto? Cerchiamo di dissipare alcuni dubbi e dare alcune informazioni che vi aiuteranno a selezionare il miglior prodotto tra quelli disponibili sul mercato.

Certificazione

I capi destinati ad un utilizzo motociclistico non hanno alcun obbligo di certificazione con due significative eccezioni. Devono, infatti, essere certificate tutte le protezioni destinate a spalle, malleoli, testa, gomiti, ginocchia, eccetera. E, allo stesso modo, devono essere certificate le calzature. Il motivo è ovvio. Il piede non è soltanto una parte trasportata, ma lavora in modo attivo quando sostiene la motocicletta, quando ci alziamo sulla sella per compiere manovre specifiche, quando apriamo la gamba e mettiamo il piede a terra per bilanciarci in derapata o quando spingiamo la moto. Ma serve anche per gestire al meglio il cambio o per usare i freno motore. Serve quindi il migliore stivale da moto possibile, che consenta al nostro piede di fare tutte queste cose in modo efficiente e preciso, ma che lo protegga nel caso in cui le cose vanno storte: cadute, collisioni, contatti accidentali con il terreno e scivolate sull'asfalto. Proprio pensando allo sfregamento sull’ asfalto è stata  studiata la certificazione EN 13634, che si articola in due livelli e indica la resistenza alla abrasione della pelle della calzatura. Al livello 1 essa non si apre prima di 5 secondi di abrasione, al livello 2 i secondi passano a 12

Materiali

Il materiale di elezione per le migliori calzature da moto è certamente la pelle. Non esiste ancora, infatti, un materiale con prestazioni migliori in tema di resistenza all'abrasione. Quindi cuoio e pellami  vengono sfruttati in tutte le declinazioni possibili. La parte del leone, nelle migliori scarpe o nei migliori stivali da moto, la fa la pelle cosiddetta pieno fiore. È la parte più resistente e pregiata della pelle, ha subito un trattamento superficiale non invasivo (praticamente la sola rimozione del pelo) ed è anche la più costosa. Quando un prodotto è realizzato in pelle pieno fiore (anche denominata primo fiore) potete rilassarvi, siete di fronte alla massima qualità. Importante da tenere a mente, il primo fiore può presentare rigature o imperfezioni che nulla tolgono, ma spesso aggiungono, al pregio del prodotto.
Le pelli scamosciate derivano dalla parte interna della pelle, dalla quale vengono separate da appositi macchinari. Meno costosa e meno resistente del primo fiore, la pelle scamosciata si utilizza sulle calzature per parti non soggette a sollecitazioni particolarmente impegnative, ha un bell'effetto setoso simile ad un pelo cortissimo, e può essere usata sulle scarpe più eleganti nel caso vengano progettate con rinforzi e materiali ausiliari adeguati.
Negli ultimi anni sono stati fatti progressi notevoli  nell'invenzione di materiali che consentissero due lavori potenzialmente contrari: la traspirazione e l'impermeabilità. Fino all'invenzione del Gore-Tex® nessun materiale poteva compiere con efficienza queste operazioni, ma da quel momento in poi la strada si spalancò per altri brevetti. Altri materiali simili, la cui indicazione potete trovare sulle migliori scarpe o stivali da moto sono DryVent®, OutDry®, eVent® e altri ancora.
Materiali isolanti per il mantenimento della temperatura vengono frapposti tra l'esterno e il rivestimento interno. All'esterno sono presenti inserti e rinforzi che vanno dal tessuto tecnico tipo Cordura fino ad arrivare alla fibra di vetro, all'ABS e al Kevlar

Rivestimento interno

Il rivestimento interno è costantemente a contatto con il piede. Anche il piede può soffrire per le abrasioni che avvengono quando calzate o togliete lo stivale, e  per le microabrasioni continue dovuto allo sfregamento interno. Quindi il anche il rivestimento deve essere robusto, ma morbido sul piede. Sotto il sottile strato di rivestimento, che può essere di morbidissima pelle o di un tessuto naturale, si trova l'isolante termico e la membrana traspirante. Affinché questa non sia completamente inutile, il rivestimento interno deve essere permeabile al vapore acqueo costituito dal nostro sudore, in modo che esso passi e venga smaltito regolarmente

Assorbimento delle sollecitazioni

Ora parliamo di quando il gioco si fa duro. Uno stivale da moto che voglia considerarsi al top del mercato deve sopportare e gestire al meglio tre tipi di sollecitazioni: urti, abrasioni e tagli. Il risultato si ottiene da studi che, attraverso calcoli, test e osservazioni, portino all'individuazione, per ciascuna area della calzatura, della categoria di sollecitazione che la interessa maggiormente. Questo porta ad inserire il rinforzo giusto nel punto giusto. I migliori stivali da moto, come le migliori scarpe da moto, presentano rinforzi in aree apposite, ad esempio nel fuori strada spesso li ritroviamo nella parte anteriore in corrispondenza della tibia, lucide e colorate perché in fiberglass o Kevlar. Per altre tipologie di calzatura i rinforzi si trovano sull'avampiede superiore per la leva del cambio, oppure troviamo zone a resistenza differenziata nelle suole, dato che, in caso di pressione su cambio o leva del freno, si tratta di pressioni su aree ridotte che potrebbero indurre traumi sulla pianta del piede o condurre alla rottura della suola. Tutto lo stivale (vedi il punto Certificazioni) deve essere resistente alle scivolate sull'asfalto

Chiusure e regolazioni

Le chiusure sono generalmente costituite da lacci, velcro, cinturini con chiusure a fibbia o a leva. Ciascuna di esse si distingue per robustezza, resistenza alla trazione, precisione o finezza di regolazione. Facendo l'esempio dei lacci, questi rappresentano la tipologia di chiusura più precisa perché consente una pressione continua su una lunga area: un'allacciatura con 10 fori è più precisa di 3 cinturini a distanza l'uno dall'altro. Ciò non di meno la robustezza potrebbe essere diversa e le valutazioni le fa il progettista. Noi suggeriamo quindi di provare, provare e ancora provare
​​​​​​​
Il miglior stivale da moto inizia dalla vostra sensazione e passa attraverso la valutazione di quanto abbiamo cercato di indicarvi.