Online Store attivo solo per i paesi della UE | Spedizione gratuita su tutte le calzature

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Tutorial: come pulire gli stivali da moto?

13/05/2020

Quando si acquistano stivali da moto è fondamentale fare una scelta orientata alla qualità dei materiali, al comfort della calzata e alla sicurezza della scarpa. Per fare in modo che gli stivali mantengano a lungo queste caratteristiche è fondamentale una loro manutenzione periodica. Vi forniremo qualche semplice consiglio per pulire i vostri stivali da moto in maniera semplice ma corretta.
 

1. Spazzolatura
 

Per pulire in maniera adeguata gli stivali da moto è necessario passarli preventivamente con una spazzola a setole morbide per asportare la componente grossolana di terra e fango asciutto.
Bisogna evitare che la spazzola provochi striature sulla pelle e quindi è indispensabile utilizzarla soltanto sulla suola, oppure nei punti in cui si sia depositato materiale secco.
Tutte le componenti umide non vengono eliminate durante questo procedimento ma, al contrario, possono aderire alle setole alterandone la funzionalità e rovinando i materiali, per cui è richiesta la massima attenzione. Specialmente nel caso in cui lo stivale fosse realizzato in pelle pieno fiore non trattata, consigliamo di eseguire questa operazione con la massima cura e delicatezza, per evitare di compromettere irrimediabilmente il materiale di altissima qualità ma estremamente delicato.
 

2. Spugnatura

Servendosi di una spugna di medie dimensioni si procede poi ad eliminare le macchie importanti presenti sugli stivali; per questa operazione è opportuno usare del sapone neutro, meglio liquido, in dosaggi scarsi, per evitare la formazione di schiuma in eccesso che potrebbe creare aloni sul pellame.
Per effettuare questa operazione consigliamo di eseguire movimenti rotatori dall'esterno verso l'interno della calzatura con la spugna imbevuta di una soluzione di acqua tiepida e sapone liquido neutro.
 

3. Interni

È assolutamente indispensabile estrarre la soletta e tutti gli accessori interni removibili, per lavarli correttamente ogni volta che si puliscono gli stivali; bisogna tenere conto che il sudore del piede potrebbe, a lungo andare, rovinare le componenti interne della scarpa.
Per queste parti è sufficiente un lavaggio a mano con acqua non troppo calda e sapone liquido neutro, da completare con uno scrupoloso risciacquo e asciugatura all'aria (da evitare qualsiasi fonte di calore diretto o indiretto).
 

4. Esterni

Per la pelle e altri materiali particolarmente delicati esistono spray specifici che vanno spruzzati e poi lucidati con una spazzola a setole morbide oppure con un panno di tessuto naturale (cotone o flanella, da evitare la spugna che lascia numerosi peli sulla pelle).
Nel caso sia presente una membrana impermeabile e sintetica bisogna impiegare appositi detergenti-lucidanti, che rispettano le particolari caratteristiche di questi materiali.
 

5. Idrorepellenza

L'idrorepellenza è un'operazione di estrema rilevanza per qualsiasi tipo di stivali da moto in quanto, in caso di contatto con schizzi di acqua e fango, questi non devono  penetrare nella calzatura ma rimanere soltanto in superficie.
I modelli realizzati con tomaia in pelle  e sintetica e con inserti in poliuretano devono essere trattati con spray contenenti speciali agenti  idrorepellenti, brevettati per sport outdoor; si tratta di sostanze di sintesi contenenti molecole fortemente polarizzate che impediscono all'acqua di aderire al substrato. Stylmartin, ad esempio, propone il suo spray protettivo impermeabilizzante per un risultato ottimale.
Nel caso in cui lo stivale fosse in pelle non trattata è consigliabile cospargerlo di grasso animale, in grado di creare un film impermeabile e idrorepellente. A questo proposito è possibile fare affidamento alla crema delicata o al grasso naturale impermeabilizzante di Stylmartin se non si vuole correre il rischio di rovinare la scarpa con prodotti non adatti.
 

6. Smacchiatura: interviene la nonna! 

Tuttavia ci segnalate che, se con i tradizionali metodi di pulitura non è possibile eliminare tutte le macchie e gli aloni, un metodo particolarmente efficace prevede l'impiego di un batuffolo di cotone imbevuto di olio d'oliva tiepido oppure di latte detergente struccante. 
Entrambe le soluzioni richiedono alcuni minuti di applicazione durante i quali le macchie sembreranno addirittura accentuarsi, in realtà il prodotto ha solo bisogno di penetrare in profondità per sciogliere bene lo sporco.
Dopo questo trattamento è necessario procedere con la solita pulizia con spugna e sapone liquido e successiva lucidatura.
 

7. Asciugatura

Al termine di tutte le operazioni di detersione e lucidatura, gli stivali devono asciugarsi e questa fase può essere problematica.
Per evitare che si formino antiestetici aloni o striature è necessario riporre gli stivali in un luogo asciutto e ben ventilato, lontano da fonti di calore e da luce solare diretta.
Quindi sono sconsigliati i garage, i ripostigli, le stanze senza finestra, mentre sono ideali zone all'aperto dove non arrivi la radiazione del sole.
Chi dispone di un giardino, una terrazza oppure un balcone può mettere gli stivali ad asciugare in un punto ventilato e all'ombra.